editoriesoterici


Un contributo alla storia dell'editoria.

Alkaest: casa editrice esoterica nata a Genova nel 1976, fondata da Giorgio Bergamino e Diego Meldi. Chiuse pochi anni dopo. Alla fine del 1987 gli stessi editori crearono I Dioscuri. Tra le pubblicazioni: le opere esoterico-alchimiche del Corpo dei Pari, un gruppo esoterico genovese che aveva pubblicato dei manifesti simili a quelli dei Rosacroce, a metà degli anni sessanta. Molti dei suoi affiliati provenivano dai circoli kremmerziani. Tra le pubblicazioni: le opere di Giuliano l'Apostata, con testo greco e traduzione italiana; alcune opere esaurite di Julius Evola, e inoltre, un saggio sull'Iran khomeinista e un dizionario guénoniano.

Il Basilisco. 1976. «Genova diventa un centro editoriale esoterico: nascono tre case editrici specializzate Alkaest, Phoenix, Il Basilisco, inoltre il Melangolo». Dalla Cronologia universale di Gianni Palitta e Diego Meldi (Newton Compton 2002). La nascita di queste tre case editrici esoteriche è stato un momento importante per Genova, città a margine dell'industria editoriale. Sono pochi gli editori che hanno lasciato un segno in città. Il fatto che tre editori nascessero contemporaneamente per diffondere il pensiero alchemico ed esoterico era un segnale importante nella grigia realtà genovese. Collegandosi ai centri «occulti» presenti in città, la casa editrice porta il suo contributo alla diffusione delle maggiori discipline esoteriche: magia,alchimiamassoneria. Anche due librerie esoteriche, l'omonimo Il Basilisco e la libreria Amenothes, contribuirono a diffondere il pensiero magico-esoterico, che in quel periodo era considerato di destra e quindi da evitare. Le librerie che a Genova vendevano i libri di Julius Evola e di Guénon erano considerate fasciste e rischiavano la distruzione. Tra gli autori pubblicati: Giuliano, Simmaco, GiamblicoPorfirioProclo, Numenio di Apamea, Paracelso, Böhme, Pico della MirandolaOsho Rajneesh. Anche un personaggio controverso come il mago Otelma, al secolo Marco Belelli, pubblicherà molti suoi volumi per i tipi deIl BasiliscoIl libro dei segreti (1984), Il Libro di Orion o del Domani Perfetto (1985), Magia, (1993). La libreria si è sempre trovata a lottare contro le grandi strutture da supermercato per non essere «cancellata» dal mercato. Sulla crisi delle piccole librerie ci fu un ampio dibattito su Il Giornale.

I DioscuriNel 1988 «A Genova nasce la casa editrice I Dioscuri, che nella sua breve vita (chiuderà nel gennaio 1995) pubblicherà più di 500 testi esoterici». Dalla Cronologia universale di Gianni Palitta e Diego Meldi (Newton Compton 2002). La casa editrice è stata importante per il contributo alla ristampa di testi esauriti e introvabili (più di 500). I volumi erano stampati in 1.000 copie. La sua caratteristica è stata quella, unica in Italia, di produrre principalmente libri per altri editori (Newton Compton, Casa del Libro, Rusconi, ecc.) e solo in un secondo momento con il proprio logo. Tra le opere pubblicate: le opere esaurite dell'esoterista René Guénon, prima che le ristampasse la casa editrice Adelphi. Curiosa la ristampa delle opere del celebre pittore Gennaro d'Amato su Atlantide. Il D'amato era illustratore della rivista Illustrazione italiana ma anche di opere di Salgari e Motta. Tra gli autori ristampati figurano l'esoterista tedesco Rudolf Steiner, il neopitagorico e massone Arturo Reghini, il filosofo seicentesco Tommaso Campanella, l'imperatore pagano Giuliano, lo scrittore orientale Ramacharaka (in realtà William Walker Atkinson), il filosofo Julius Evola . La casa editrice collaborava anche alla diffusione del libro nel mercato del metà prezzo. Molte edizioni uscirono anche con il logo della Casa del Libro di La Spezia. Hanno collaborato alla casa editrice il prof. Paolo Aldo Rossi, ordinario di Storia del Pensiero scientifico all'Università degli Studi di Genova ([1]), il prof. Umberto Rapallo, ordinario di Linguistica generale all'Università degli Studi di Genova, il prof. Renato del Ponte, studioso del pensiero di Julius Evola, il prof. Elio Rosati, la prof. Anna Maria Carassiti. La curiosità legata a questa casa editrice è che la sua storia è molto simile a quella descritta da Umberto Eco ne Il Pendolo di Foucault. Tra gli autori anche Marco Belelli, in arte Mago Otelma. Durante tutta la sua attività la casa editrice è stata presente alle fiere di Francoforte e di Bologna.

Diego Meldi (Genova8 febbraio 1949) è uno scrittore e editore italiano.

Biografia

Nato e cresciuto a Genova, partecipa attivamente alla lotta politica, in una città profondamente antifascista. Nel 1965 si iscrive alla formazione giovanile delM.S.I.Giovane Italia, diventando poi «Fiduciario» del Liceo Ginnasio Cristoforo Colombo. Nello stesso anno partecipa alla creazione dell'Organismo rappresentativo studentesco dello stesso Liceo, insieme a Marco Belelli, il futuro Mago Otelma. Organo della piccola cellula nera era il giornalino di scuolaColombo show, che dopo pochi numeri fu costretto a chiudere per una interrogazione parlamentare del giovane D'Alema. Nel 1967 si iscrive alla Democrazia Cristiana e sempre insieme a Marco Belelli si batte in difesa dei principi cristiani. Entrato nel Movimento Cristiano Lavoratori (nato da una scissione delle ACLI) lotta invano per i diritti dei lavoratori. Nel 1976 partecipa al 2° Congresso Provinciale del MCL, come Segretario provinciale. Deluso dall'insensibilità dei vertici della D.C. abbandona la politica attiva. Solo nel 1972 rientra nella politica attiva come dirigente sindacale della CISNAL-Guardie Giurate. Si laurea in filosofia all'Università di Genova con una tesi sul sofista Gorgia da Leontini. Nel 1976 partecipa alla nascita della casa editrice Alkaest, specializzata inalchimia. Contemporaneamente fonda, insieme ad Anna Maria Carassiti, la libreria editrice Il Basilisco. Sono anni difficili e pericolosi per un libraio di destra a Genova. La rivista Panorama bolla la libreria come fascista, perché vende soprattutto i libri di Julius Evola. Il libraio, pur essendo fuori dalla politica attiva, riceve una perquisizione della polizia con l'accusa di «partecipazione a banda armata». Per diversi anni vive nell'ombra. Nel 1988 partecipa alla nascita della casa editrice I Dioscuri. Dopo aver collaborato con alcuni piccoli editori, approda alla Newton Compton, per la quale scrive alcuni libri. Dal 1997 esercita l'arte antica dell'ambulante di libri [1]. Si batte per la sopravvivenza delle piccole librerie contro i supermercati del libro. Partecipa al dibattito culturale avviato da Il Giornale[2][3]

Bibliografia 

  • 1988 - Le chiavi di Pietro (Scipioni),
  • 1993 - Il libro completo dei Tarocchi (I Dioscuri, seconda edizione),
  • 1994 - Il corpo umano (Libritalia), insieme a Anna Maria Carassiti,
  • 1994 - Corneide (Scipioni),
  • 1995 - Dizionario dei verbi (Edicart), insieme a Gianni Palitta,
  • 1995 - Dinosauri straordinari (Melita),
  • 1995 - Dizionario degli errori (G.ED.),
  • 1995 - Dizionario junior della lingua italiana (Melita), insieme a Maria Cristina Carbone,
  • 1996 - Grande dizionario illustrato per ragazzi (Edicart), insieme a Anna Maria Carassiti,
  • 1997 - Libro de I Ching (The Twin Brothers), insieme a Donatella Bergamino,
  • 1997 - L'antica e vera smorfia con le originali carte dei sogni (Edicart),
  • 1997 - Cronologia universale (Gulliver), insieme a Gianni Palitta,
  • 1997 - Tarot-kit (Libsa), in inglese,
  • 1999 - Dizionario degli errori (Gulliver),
  • 2002 - Dizionario italiano (Rusconi), insieme a Anna Maria Carassiti,
  • 2002 - Cronologia universale (Newton Compton, seconda edizione), insieme a Gianni Palitta, con l'introduzione del professor Paolo Aldo Rossi, ordinario di Storia del Pensiero scientifico presso l'Università degli Studi di Genova,
  • 2006 - La Repubblica di Salò (Rusconi Libri), insieme a Anna Maria CarassitiISBN 88-18-02039-0
  • 2008 - Tarocchi, manuale completo (Giunti-Demetra).

Ha scritto numerosissime introduzioni a opere varie.

  • Introduzione a il Dizionario delle battaglie di Elio Rosati e Anna Maria Carassiti (Newton 1996).
  • Introduzione, con lo pseudonimo di Ludovico de Cesari, a il Dizionario etimologico della lingua italiana di Barbara Colonna, pseudonimo di Anna Maria Carassiti (Newton 1997).

A partire dal 1976 ha fondato a Genova diverse case editrici esoteriche (AlkaestIl BasiliscoI Dioscuri), a cui hanno collaborato nel tempo il professor Umberto Rapallo, ordinario di Linguistica generale presso l'Università degli Studi di Genova, il professor Paolo Aldo Rossi, ordinario di Storia del Pensiero scientifico presso l'Università degli Studi di Genova, il professor Renato Del Ponte, docente di storia e letteratura. I suoi mazzi di Tarocchi sono presenti nel Museo dei Tarocchi di Riola (Bologna) [4] e nella Collection of Modern Tarot di Adam MacLean [5]. Alcune opere sono esaurite e si trovano solo su e-bay o sui cataloghi di molte librerie antiquarie [6].

Note 

 

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!